Preventivi crediti revolving: confronta le offerte

La valutazione della proposta del debitore sull'idoneità delle garanzie offerte invece rappresenta un documento in grado di garantire ai creditori un quadro completo ed oggettivo per valutare la reale fattibilità del piano e la sua convenienza. Il tutto deve essere depositato presso la cancelleria del Tribunale almeno tre giorni prima della data fissata per l'udienza. Come ribadito con sentenza nr. A fronte di una domanda di concordato priva di documentazione il Tribunale ragionevolmente non potrà autorizzare il compimento di atti che accedano l'ordinaria amministrazione. esso è dunque chiamato ad effettuare una valutazione di tipo prognostico. Se dunque sono venuti meno i requisiti di meritevolezza del previgente normativa deve essere posta in primo piano la valutazione di convenienza che i creditori sono chiamati a fare per poter esprimere il proprio voto. Per quanto concerne le risorse finanziarie e le modalità di copertura dei costi per lo svolgimento dell'attività di impresa a norma dell'art. Per evitare utilizzi distorti di questo strumento il legislatore all'art. il tribunale deve infatti garantire la formazione di un consenso consapevole ed informato dei creditori sulla convenienza della proposta portata alla loro attenzione, perciò deve verificare la completezza, la regolarità e coerenza della documentazione.

#72 - Come evitare le obiezioni al tuo preventivo

. tale inefficacia tuttavia non ha carattere assoluto essendo destinata a venir meno, con effetto retroattivo, in ipotesi nelle quali la tutela concordataria venga meno prima dell'omologazione. prevede che l'ammissione al concordato può essere revocata qualora mutino le condizioni di fattibilità del piano, in modo tale da risultare l'esercizio dell'attività " manifestamente dannoso per i creditori. In presenza poi di modifiche sostanziali della proposta o del piano la relazione dovrà essere ripresentata. Il debitore, con periodicita' mensile, deposita una situazione finanziaria dell'impresa che, entro il giorno successivo, e' pubblicata nel registro delle imprese a cura del cancelliere. Il Piano deve inoltre indicare i tempi e le modalità di adempimento della proposta. Nel caso di specie l'assuntore si accolla l'obbligo di adempiere alla proposta concordataria, garantendo la soddisfazione del ceto creditorio. Nel caso in cui il debitore presenti una domanda di concordato con suddivisione in classi il tribunale è chiamato a valutare la correttezza dei criteri di formazione delle classi. La relazione integrativa contiene, di regola, una particolareggiata comparazione tra tutte le proposte depositate. La domanda originaria può poi essere integrata con il deposito di nuovi documenti. prescrive che insieme con la proposta debba essere presentato un "piano contenente la descrizione analitica delle modalità e dei tempi di adempimento della proposta" Le norme vigenti non danno una definizione di piano o di proposta di concordato. si svolge in Camera di Consiglio e si conclude con decreto motivato, reclamabile in Corte d'Appello. retroagiscono alla data di pubblicazione del ricorso ex art. Decreto sviluppo è stato notevolmente rafforzata la figura ed il ruolo riconosciuto al professionista attestatore. In tale ultima ipotesi caso l'ipoteca iscritta riprenderà la sua efficacia , salva revocatoria fallimentare che venga ulteriormente esperita dal curatore. essi sono ritenuti prededucibili ai sensi dell'art. Un altro aspetto su cui soffermarsi sono i Cd.provvedimenti immediati. Il commissario giudiziale non può assolvere anche la funzione di liquidatore. - Presupposto oggettivo La presentazione della proposta concordataria presuppone che l'imprenditore si trovi in stato di crisi o in stato di insolvenza. In questa prospettiva, nonostante non sia più richiesto il deposito della scritture contabili insieme al deposito del ricorso, pare coerente ritenere che ciò sia necessario in quanto implicitamente richiesto dall'art. Si tratta di un elenco che differenza di quanto avviene nel fallimento è privo di carattere giurisdizionale e che ha caratteristiche amministrative non valendo ai fini dell'accertamento dell'esistenza o meno dei crediti o degli eventuali diritti di prelazione. Nessuna prescrizione normativa impone il deposito delle scritture contabili, tuttavia in considerazione della previsione di cui all'art. Taluni hanno ritenuto che non si possa escludere, in caso di società, di dover vidimare libri sociali cioè libri delle adunanze, delle deliberazioni delle assemblee, del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale. non specifica se l'assuntore possa limitare la propria responsabilità LA SUDDIVISIONE IN CLASSI DEI DEBITORI. ha introdotto il principio del cd. Vengono altresì considerati atti di straordinaria amministrazione quelli suscettibili di ridurre il patrimonio aziendale. rinvia, quando parla di libri presentati, nonché quando e come deve essere eseguita l'annotazione il caso di registri tenuti su supporti informatici. e tutte le scritture che l'impresa in considerazione della sua natura e delle sue dimensioni è chiamata a tenere nonchè tutte quelle scritture che consentono i ricostruire il patrimonio ed il movimento di affari della società. Non sono più richiesti come un tempo i cd. In caso di domanda con riserva il Tribunale deve valutare i presupposti della domanda stessa, eventualmente anche espletando un'attività istruttoria al fine di acquisire documenti ed informazioni. IL CONCORDATO CON ASSUNZIONE IN GARANZIA Esso mira al mantenimento delle attività aziendali e non alla loro liquidazione. Può concedere al debitore un termine di quindici giorni per apportare integrazioni al piano o nuovi documenti. I creditori ed ogni altro interessato potrà proporre opposizione nei trenta giorni successivi. I creditori sono soddisfatti non attraverso i proventi della vendita dei cespiti aziendali, bensì attraverso i movimenti finanziari derivanti dalla continuità aziendale. La possibilità di presentare un concordato in bianco ha posto di fatto non poche difficoltà interpretative ed applicative ci si è infatti posti il problema di quale debba essere il suo contenuto minimo. Esso provvede a redigere l'inventario del patrimonio del debitore accompagnato da una relazione sulle cause di dissesto, sulla condotta del debitore, sulle proposte di concordato e sulle garanzie offerte ai creditori. Nel caso in cui vi siano obbligazionisti il termine della loro convocazione fissato nel decreto di ammissione viene elevato a sessanta giorni anziché a trenta. Il professionista attestatore deve essere indipendente, deve avere i requisiti di cui all'art. Nel silenzio della legge stato tuttavia ritenuto che, qualora il debitore ricorra alla suddivisione in classi le ragioni delle sue scelte debbano essere adeguatamente motivate, così da consentire al Tribunale il suo giudizio ex art. IL CONCORDATO CON CONTINUITA' AZIENDALE Il decreto sviluppo ha teso a favorire ed incentivare la continuità aziendale, così da garantire il mantenimento dei livelli occupazionali e favorire la sopravvivenza delle imprese in crisi. ha introdotto un secondo comma nel quale è stato previsto che, qualora alla domanda di concordato faccia seguito una dichiarazione di fallimento i termini dell'azione revocatoria e quelli di cui agli artt. Provvede, altresì alla nomina, sulla sostituzione e sul compenso dei liquidatori e del comitato dei creditori, nonché sulla modalità di liquidazione in caso di cessione di beni Pronuncia da dichiarazione di fallimento nei casi previsto dalla legge. In ogni caso l'inserimento di un creditore tra quelli partecipanti al concordato preventivo non implica l'automatica ammissione del credito al passivo del fallimento eventualmente dichiarato. Circa i risultati attesi dalla prosecuzione dell'attività e raffrontarli con soluzioni di tipo liquidatorio. È Parso coerente ritenere che, ai fini della individuazione delle scritture contabili, si debba fare riferimento all'art. ha devoluto a tale organo un potere di controllo sulla legittima prosecuzione del piano, in qualunque momento della procedura. Quando invece i libri sono tenuti mediante sistema informatico è necessaria la stampa su supporto cartaceo. I libri devono poi rimanere a disposizione del commissario giudiziale e del giudice delegato. Esso premette al debitore di beneficiare prima della protezione che consegue alla procedura concorsuale evitando che il proprio patrimonio venga aggredito dai creditori nel periodo necessario per redigere l'ulteriore documentazione. Diverso il caso in cui sia previsto che i creditori vengano soddisfatti attraverso flussi generati dalla gestione dell'azienda. L'annotazione, cristallizzando la situazione dell'impresa sottoposta a concordato, vuole evitare che il debitore possa compiere atti fraudolenti o possa dichiarare una ricostruzione infedele dell'attività di impresa. Per effetto della presentazione della domanda di concordato il debitore accede automaticamente alle protezioni di cui all'art. Quando si verifica un mancato pagamento, l'assicurato ha diritto a contrattare, per un certo numero di giorni, con il cliente la riscossione del credito. Coloro che non hanno votato possono far pervenire il proprio dissenso per telegramma o fax nei venti giorni successivi. in considerazione del venir meno dell'obbligo di deposito delle scritture contabili, ma facilmente superabile in considerazione del fatto che l'imprenditore è tenuto, ex art. è stato istituzionalizzato il concordato con continuità aziendale, così da consentire il mantenimento dei valori aziendali, dell'avviamento etc. prevede la possibilità di integrare l'originaria domanda mediante il deposito di nuovi documenti. La formulazione attuale dell'art. L'imprenditore perciò potrebbe tornare in bonis. può richiedere al debitore di apportare entro quindici giorni, integrazioni al piano e/o produrre nuovi documenti. Questi saranno meno propensi ad accettare una proposta concordataria dove si ravvisi una gestione dell'attività non sempre avveduta. Il Tribunale può in ogni momento sentire i creditori. La domanda è inammissibile se il debitore nei due anni precedenti ha presentato altra domanda di concordato cui non abbia fatto seguito la sua ammissione. Sul punto la giurisprudenza non ha subito oscillazioni, ritenendo in modo univoco che i libri contabili dell'imprenditore concordatario non possano essere assimilati agli atti depositati in cancelleria ed ha escluso una simile eventualità. Preventivi crediti revolving: confronta le offerte. Nel piano dovranno poi essere indicati i tempi previsti per l'adempimento della proposta ciò assume un ruolo importante per valutare le l'attività si stia discostando dagli obiettivi prefissati, l'art. Tutto ciò è controbilanciato dalla previsione di precipui obblighi informativi periodici, che vengono fissati dal Tribunale con il decreto nel quale dispone il termine entro cui presentare il piano. Tuttavia occorre ricordare come il compimento di taluni atti, risulti subordinato alla autorizzazione del giudice delegato. Tale pubblicazione segna il confine tra creditori concorsuali e non e si determina lo spossessamento attenuato per il debitore e il divieto di inizio o prosecuzione di iniziative esecutive nei suoi confronti da parte dei creditori. Può cessare la sua funzione per revoca presentata dal Giudice delegato dal comitato dei creditori o d'ufficio. In difetto di simili elementi non vi sarebbe possibilità di valutare la fattibilità della proposta. Le proposte di concordato, ivi compresa quella presentata dal debitore, possono essere modificate fino a quindici giorni prima dell'adunanza dei creditori. No è invece consentito prevedere trattamenti diversi per i creditori appartenenti alla medesima classe. Inoltre, la compagnia di assicurazione ha diritto ad effettuare, sul portafoglio crediti, un'analisi preventiva.

Preventivi personalizzati per pratiche di recupero crediti

. Tribunale ha poi il potere di disporre una consulenza d'ufficio al fine di valutare la relazione sulla fattibilità del piano Il debitore non si limita alla mera sottoscrizione della proposta concordataria. Il decreto di omologa è pubblicato ai sensi dell'art. Esso potrebbe ricomprendere anche beni futuri o rientranti nel patrimonio personale dell'imprenditore nel caso di ditta individuale o di società di persone. Quando queste trattative falliscono, l'azienda assicurata deve sporgere la denuncia di mancato pagamento alla compagnia di assicurazione.

a tal proposito dispone che " dopo il deposito del ricorso e fino al decreto di cui all'art. Per ciò che attiene alle condizioni di legittimazione l'art. In mancanza del deposito si ha la revoca del concordato. Si è perciò parlato di coordinamento organizzativo. Grazie a questa informativa, non solo viene consentita una partecipazione più ampia possibile alla adunanza, ma anche una migliore informativa in vista del voto. Può stabilire un limite al di sotto del quale il debitore non ha l'obbligo di richiedere l'autorizzazione del giudice delegato per il compimento di atti eccedenti l'ordinaria amministrazione. il debitore può compiere atti di straordinaria amministrazione previa autorizzazione del Tribunale che potrà assumere informazioni in materia e chiedere il parere del commissario. Nello stesso periodo e a decorrere dallo stesso termine il debitore può compiere gli atti di ordinaria amministrazione. Nel caso in cui una simile comunicazione non sia realizzabile a causa del numero o per le caratteristiche degli azionisti il Tribunale, ex art. - IL LIQUIDATORE In caso di concordato con cessio bonorum il Tribunale ha l'onere di nominare, con il decreto di omologa uno o più liquidatori e un comitato dei creditori con la funzione di assistere alla liquidazione, determinandone le modalità. La modifica apportata al quinto comma dell'art. Possibili contenuti del piano, l'art. La suddivisione in classi può avere un ruolo di primo piano sull'esito della procedura concorsuale, ove si consideri che il concordato è approvato se il consenso viene manifestato dai creditori che rappresentano. Il concordato preventivo Guida legale sul concordato preventivo: definizione, requisiti e aspetti procedurali. Formula il giudizio sui reclami avverso i provvedimenti del giudice delegato di revoca di omologazione, di annullamento e di risoluzione del concordato. Il ricorrente ha la facoltà di prevedere nel piano di concordato la suddivisione dei creditori in classi secondo posizione giuridica ed interessi omogenei e trattamenti differenziati tra i creditori appartenenti alle diverse classi. È il Tribunale che, come abbiamo visto, con il proprio decreto di apertura della procedura stabilisce in quale data si terrà l'adunanza dei creditori e il termine per fornire loro la comunicazione. il ruolo del giudice delegato ha subito importanti modifiche essendo essenzialmente dotato di funzioni di controllo , volte alla verifica della regolarità della procedura, mentre le valutazioni di opportunità economica sono riservate ai creditori. Preventivi crediti revolving: confronta le offerte.. La documentazione presentata dal debitore non lo vincola il giudice che può apportarvi, se necessario, aggiunte e correzioni utilizzando la documentazione come eventuali dati che emergano a fronte di ulteriori indagini. andando così a riassure la sua funzione di vigilanza e di controllo. Silenzio assenso, per cui, si ritengono consenzienti e come tali vengono considerati ai fini del computo della maggioranza i creditori che non esercitano il loro diritto di voto. perché non rappresenta il debitore nella procedura che è sottoposto ad uno spossessamento attenuato, dato che mantiene l'amministrazione e la disponibilità dei suoi beni e la legittimazione processuale L'art. In questo modo si vuole evitare che nelle more della procedura si possa originare una corsa da parte del ceto creditorio. Ogni anno presenta un prospetto delle somme disponibili e un progetto di riparto delle stesse, riservando quelle occorrenti alla procedura L'art. Se il deposito venisse a mancare la data dell'udienza deve essere rinviata, così da evitare di compromettere il diritto dei creditori ad arrivare in seno all'adunanza stessa con un quadro completo della situazione. prevede inoltre prevede la nullità delle azioni esecutive e cautelari intraprese successivamente alla pubblicazione del ricorso. Il tribunale puo' in ogni momento sentire i creditori.". Una volta fissato il termine per l'adunanza il Commissario deve svolgere tutta una serie di attività che si pongono come necessario corollario della stessa e che sono indicate all'art. Co la proposta di concordato l'imprenditore può presentare ai creditori una delle forme tipiche del loro soddisfacimento , come atipiche che prevedano la dismissione di determinati settori, riduzioni del personale, come potrebbe ricorrere a forme miste. Decreto sviluppo ha disciplinato i poteri di amministrazione straordinaria ed ordinaria previsti per l'impresa in crisi nel periodo intercorrente tra la data del deposito del ricorso e il decreto di ammissione alla procedura concorsuale. al decreto di ammissione alla procedura di concordato. come previsto al sesto comma dell'art. Sono venuti meno invece i limiti percentuali imposti dalla precedente normativi e indirizzati a garantire il soddisfacimento dei creditori. il collegio sia chiamato a valutare la sussistenza della competenza per territorio e l'accessibilità dell'imprenditore alla procedura concorsuale da un punto di vista oggettivo e soggettivo. Prestito libro biblioteca comunale pinzolo. ed è provvisoriamente esecutivo Il novellato art. autorizza il debitore al compimento degli atti urgenti di straordinaria amministrazione. Occorre dunque una continuazione dell'attività imprenditoriale anche nel caso in cui il progetto di risanamento preveda la liquidazione di beni non funzionali allo svolgimento dell'attività. dispone inoltre l'inefficacia nei confronti dei creditori concorsuali delle ipoteche giudiziali iscritte nei novanta giorni anteriori alla pubblicazione del ricorso ex art. L'assicuratore, infine, pone inoltre un limite massimo assicurabile per ognuno dei debitori. Per quanto concerne il piano gli interventi integrativi potranno consistere non solo in delucidazioni volti a rendere maggiormente comprensibile ogni suo aspetto ma potranno integrare anche vere e proprie modifiche sostanziali. Il piano deve essere imperniato su un affitto o su una cessione aziendale.L'assuntore si accolla gli obblighi concordatari , l'art. il debitore deve mensilmente depositare una situazione finanziaria dell'impresa che, entro il giorno successivo è pubblicata nel registro delle imprese a cura del cancelliere. Ogni valutazione economica resta rimessa ai creditori. Dichiara improcedibile la domanda nel caso in cui il commissario accerti il compimento di atti di frode o autorizzati, ovvero vengano meno le condizioni di ammissibilità alla procedura. Tuttavia il mancato deposito non preclude più, come avveniva in precedenza, la verifica della sussistenza delle condizioni di ammissione al concordato con conseguente rigetto del ricorso. Entro due giorno successivi alla sia nomina deve far pervenire al Giudice Delegato la propria accettazione ex art. Vale poi la regola del silenzio assenso. Verifica la sussistenza dei presupposti sostanziali della qualifica di imprenditore assoggettabile alle procedure concorsuali dello stato di crisi e di fattibilità del piano concordatario. A seguito della presentazione del ricorso da parte del debitore, il cancelliere provvede entro il giorno successivo a pubblicare la domanda al registro delle imprese. Tra le forme più ricorrenti vi è quella del contratto di affitto di azienda. dalla data di pubblicazione del ricorso nel registro delle imprese, i creditori per titolo o causa anteriore alla pubblicazione stessa non possono iniziare o proseguire azione esecutive o cautelari sul patrimonio del debitore. Provvedimento reclamabile in Corte d'Appello nei quindici giorni successivi. Si tratta pur sempre però di una possibilità. A partire da tale momento il debitore può contare sulla protezione della procedura per il tempo necessario per predisporre il proprio piano. Il medesimo effetto protettivo si ha medio tempore nel periodo necessario per la predisposizione ed il raggiungimento di un accordo con i creditori per la ristrutturazione dei debiti ex art. Il tribunale decise le opposizioni eventualmente proposte decreta l'omologazione. Il Giudice apre la votazione necessaria per verificare il raggiungimento delle maggioranze previste. Il Tribunale esamina la domanda di concordata in sede collegiale e a norma dell'art. Un piano contenente la descrizione analitica delle modalita' e dei tempi di adempimento della proposta. Di fatto la riforma ha posticipato l'effetto protettivo dal momento del deposito del ricorso per il Tribunale territorialmente competente al momento della pubblicazione, ciò però meglio si presta a rispondere ad esigenze di tutela dei terzi. Il Commissario in questa fase ha un ruolo complesso. La proposta del debitore non può avere un contenuto indefinito esse deve risultare in un piano, ossia un programma di azioni coordinate per il raggiungimento degli obiettivi prefissati il nuovo art. Lo scopo del concordato preventivo non è solo quello di tutelare l'imprenditore in difficoltà, ma anche i creditori. decreto del fare dopo il deposito del ricorso e fino al decreto di cui al'art. Tale termine ordinatorio è di trenta giorni, salvo quanto sopra precisato

Commenti