Prestiti ristrutturazione: è il momento giusto per pensarci

Nei permessi di costruire e sanzioni sono inclusi tutti i pagamenti che i cittadini e le imprese di costruzione versano al Comune per ottenere l'autorizzare a costruire o a modificare in maniera sostanziale un edificio sul territorio comunale. È il titolo VI delle Entrate; è la sommatoria di entrate quali, le cauzioni o i depositi versati da soggetti terzi, che per loro natura vengono restituite nel corso dell'anno. Istruzione elementare: è la sommatoria della spesa destinata alle scuole elementari presenti sul territorio, inclusi l'organizzazione di manifestazioni e tornei locali, o la manutenzione dei locali scolastici, se di proprietà del Comune. È la tassa che viene versata da coloro che, per qualsiasi ragione, necessitano di utilizzare uno spazio pubblico comunale per un certo periodo di tempo. A queste si sommano le relative sanzioni derivanti da ritardi nel pagamento, errori nella procedura oppure realizzazione di interventi diversi rispetto a quelli dichiarati nella richiesta del permesso. Tra i compiti principali, la stesura del Piano di Governo del Territorio comunale e la pianificazione delle aree edificabili. Può trattarsi di spesa per il personale, per l'acquisto di prestazioni da soggetti esterni, per il finanziamento di altri soggetti, per l'acquisto del materiale necessario. È un tributo che viene pagato sulle affissioni nel territorio comunale. Indica la destinazione finale della spesa, ovvero il motivo per il quale il Comune ha speso una determinata somma di denaro. Si differenzia dall'imposta comunale sulla pubblicità perché concerne solamente affissioni di carattere non commerciale. Edilizia pubblica: è la sommatoria della spesa destinata all'edilizia pubblica, sia per il funzionamento degli uffici e l'offerta di agevolazioni economiche ai cittadini in stato di bisogno, che per la manutenzione e costruzione di strutture apposite. Include la spesa che il comune sostiene nel caso in cui abbia la necessità di acquistare beni o diritti su beni, a titolo di esproprio o servitù onerosa. Include anche tutti i servizi di tutela per l'infanzia e i minori, come i centri di assistenza. Inoltre, il Comune può scegliere di destinare specifiche quote di spesa per promuovere i servizi relativi alle diverse aree di sviluppo economico, quali l'industria, l'artigianato, il commercio o l'agricoltura. Includono sia il personale addetto al trasporto urbano, ma anche l'acquisto di mezzi di trasporto, come gli autobus. Servizi di prevenzione e riabilitazione: è la sommatoria della spesa stanziata dal Comune a favore dei servizi di prevenzione e riabilitazione offerti sul territorio. Per l'ordinamento italiano, i tributi si suddividono in tasse, imposte e contributi. Per investimenti si intende la costruzione di infrastrutture, quali strade, impianti comunali, piscine, teatri, biblioteche. Si includono i servizi di distribuzione del gas, le centrali del latte, i servizi di teleriscaldamento, di distribuzione dell'energia elettrica e le farmacie comunali. Include somme di denaro che il comune ha prestato a soggetti terzi, dietro promessa di rimborso. Si compone di tutte le entrate che i cittadini sono chiamati a versare al Comune sotto forma di imposta, ovvero come contributo generico alle spese dell'amministrazioni locale. Include tutte le somme di denaro che lo Stato versa al Comune per aiutarlo nella realizzazione di opere pubbliche di lungo termine, quali infrastrutture o impianti sportivi e culturali. Per la loro natura di lungo termine, vengono solitamente restituite nel corso di diversi anni, a differenza delle anticipazioni di cassa. Include le quote di ammortamento legate ai beni di proprietà dell'ente Comunale. Sono inoltre conteggiate dal lato della spesa in conto capitale tutti gli interventi per la manutenzione, l'allargamento e la costruzione degli impianti e delle infrastrutture necessarie. Ne sono un esempio, i patrocini o le sponsorizzazioni, oppure i versamenti effettuati per partecipare a consorzi con altri enti. È una delle due componenti fondamentali in cui si articola il bilancio comunale, assieme alla spesa. Include le anticipazioni di cassa, i finanziamenti a breve termine, le assunzioni di mutui e prestiti, l'emissione di prestiti obbligazionari. Asili nido, servizi per l'infanzia e i minori: è la sommatoria della spesa stanziata dal Comune per sostenere gli asili nidi pubblici ed eventuali finanziamenti a strutture private. Stadi e altri impianti: è la sommatoria della spesa che il Comune sostiene per la manutenzione o l'eventuale costruzione degli impianti sportivi comunali di qualsiasi tipo, se presenti sul territorio. È la sommatoria della spesa che il Comune sostiene per eventuali prestazioni di servizi da parte di soggetti terzi rispetto l'ente comunale. Il Comune incassa la cauzione per l'uso di un immobile nel corso dell'anno, e la restituisce allo stesso soggetto al termine dell'anno o del periodo di uso dell'immobile. Oltre ad alcune voci comuni tra tutti gli enti locali, include principalmente tributi stabiliti su misura dal Consiglio Comunale. È l'organo esecutivo di un comune, in accordo a quanto stabilito dal T.U.E.L., ed è composto da un numero variabile di assessori e dal sindaco. Agos itafinco prestito personali iscritto cgl. Scuola materna: è la sommatoria della spesa destinata alle scuole materne presenti sul territorio, incluso l'acquisto di nuove infrastrutture per il miglioramento del servizio offerto. È il titolo III delle Entrate; è dato dalla sommatoria delle entrate che il Comune realizza nel corso dell'anno e che non dipendono dal versamento di tasse e imposte da parte dei cittadini. Trasporti pubblici: è la sommatoria della spesa destinata al trasporto pubblico locale, qualora questo non sia gestito da società esterne, speciali o partecipate le quali redigono un bilancio separato da quello dell'ente. Include tutti i costi che il Comune sostiene per l'organizzazione dell'evento, incluso il personale e la promozione. Include la spesa che il Comune sostiene per conferire capitale sociale in aziende esterne all'ente comunale, alle quali partecipa in qualità di socio, come nel caso di aziende partecipate o aziende speciali. Sono l'insieme delle aree all'interno delle quali si svolgono le attività del Comune. L'aliquota dipende in parte dalla legislazione nazionale che fissa la percentuale minima, in parte dal Consiglio Comunale che stabilisce di anno in anno eventuali maggiorazioni o esenzioni per i propri cittadini. Tra le imposte si trovano, l'imposta di scopo, l'imposta di soggiorno per comuni località turistiche, l'imposta comunale sulla pubblicità, le imposte sull'abitazione e le varie addizionali e compartecipazioni. È il momento in cui viene determinata, grazie all'emissione di fattura da parte del fornitore, la cifra certa che l'ente comunale dovrà pagare per il bene o il servizio acquistato. Include tutte le somme di denaro che il comune trasferisce ad altri enti per la realizzazione di opere pubbliche. Ad esempio, viene pagata dai venditori ambulanti nei mercati comunali o in caso di fiere e sagre o banchetti di raccolta firme. Assieme ai residui attivi, concorre al calcolo del risultato di amministrazione. Il ritardo nel pagamento fa maturare interessi a favore dell'ente locale. È la quota di IVA che viene realizzata sul territorio comunale che lo Stato decide di restituire all'ente locale. Sono incluse le indennità e i gettoni di presenza pagati ai consiglieri comunali. È composto dal Sindaco e da un numero variabile di consiglieri, eletti direttamente dalla popolazione residente. Fa parte delle cosiddette entrate in conto capitale. Sono debiti contratti dall'ente che non vengono iscritti a bilancio in quanto legati a particolari situazioni che coinvolgono anche altri istituti o aziende pubbliche. È la fase che chiude il ciclo della spesa, ed è preceduta dalla liquidazione e prima ancora dall'impegno. È la sommatoria della spesa che il Comune ha destinata ad investimenti finanziari, come l'acquisto di azioni in altre società.

Prestiti - Intesa Sanpaolo

. Costituiscono inoltre economia la cancellazione di eventuali residui passivi iscritti nel rendiconto di gestione e cancellati in seguito all'eliminazione o riduzione del loro valore. Urbanistica e territorio: è la sommatoria della spesa stanziata dal Comune per gli uffici preposti all'urbanistica e al governo del territorio. Include tutte le spese impreviste che il comune si trova ad affrontare e che difficilmente possono essere previste ad inizio anno; per questo motivo, il comune accantona dei fondi destinati alla copertura di queste spese non prevedibili e non ripetibili. In particolare si differenzia in contributi versati a specifica destinazione per finanziare le spese per il personale e in contributi regionali per il rimborso di rate di mutui contratti dall'ente. Include anche altri oneri finanziari, come il pagamento degli interessi su prestiti obbligazionari emessi dall'ente. La spesa si divide in spesa corrente; spesa in conto capitale; spesa per rimborsi di prestiti; spesa per servizi per conto di terzi. È il momento in cui l'ente comunale si assume l'impegno di pagare, in futuro, una determinata somma di denaro. È uno degli interventi della spesa corrente. È il totale delle somme di denaro che il Comune versa, a vario titolo, a enti terzi, per promuovere attività nel proprio territorio. Tra questi, due documenti hanno particolare rilevanza per il loro ruolo di autorizzazione e rendiconto delle entrate e delle spese annuali: il bilancio di previsione e il bilancio consuntivo. È un prelievo coattivo di ricchezza da parte di un ente pubblico nei confronti di un cittadino. È il momento in cui viene identificato il motivo e il titolo giuridico per cui il comune ha il diritto ad incassare una determinata somma di denaro. È la sommatoria di tutta la spesa che il Comune sostiene per gli uffici giudiziari presenti sul territorio locale. Al pagamento corrisponde un'effettiva uscita di denaro dalle casse comunali. È la sommatoria di tutta la spesa che il Comune destinata alla polizia locale, incluso l'acquisto di beni, come automobili o strutture adeguate per gli uffici, e la manutenzione degli stessi. Ad esempio, è la spesa che il comune sostiene nel caso in cui abbia la necessità di versare ad aziende partecipate o speciali, somme di denaro per l'appianamento di eventuali squilibri finanziari. È la sommatoria delle spese che il Comune sostiene per la promozione del turismo locale, incluse eventuali aziende di promozione e attività ad esse connesse. È la sommatoria di eventuali spese che il Comune sostiene per alcuni servizi di produzione che possono essere offerti dall'ente comunale, sebbene siano spessi esternalizzati ad altre aziende. È il totale della spesa che il Comune sostiene per gli interessi maturati sui mutui accessi nel corso degli anni precedenti e che ancora vengono rimborsati. Include sia la spesa per l'acquisto dei beni necessari, che per il personale addetto alla sua manutenzione. Include la spesa che il comune sostiene per l'acquisto di tutti i beni di consumo ad uso della gestione ordinaria dell'ente; per esempio si includono tutti gli acquisti di cancelleria, materiale da ufficio, e simili. È infatti una modalità di finanziamento di lungo termine, mediante la quale il Comune raccoglie le somme di denaro che gli sono necessarie attraverso l'emissione di obbligazioni. Assieme al bilancio consuntivo, compone il bilancio comunale. È la sommatoria delle spese che il Comune sostiene per l'erogazione dei servizi sociali ai suoi cittadini, incluse le spese per la manutenzione o la costruzione di strutture adeguate a tale scopo, come asili nidi, residenze per anziani o centri di prevenzione. La tassa è, infatti, un tipo di tributo, costituita da una somma di denaro che un cittadino deve versare all'ente pubblico come corrispettivo per la prestazione a suo favore di un servizio pubblico. Strutture residenziali e di ricovero per anziani: è la sommatoria della spesa stanziata dal Comune per le strutture residenziali e di ricovero per gli anziani residenti sul territorio. Istruzione media: è la sommatoria della spesa destinata alle scuole medie presenti sul territorio, inclusi l'organizzazione di manifestazioni e tornei locali, o la manutenzione dei locali scolastici, se di proprietà del Comune. È il momento in cui una somma di denaro prevista tra le entrate comunali viene effettivamente versata nelle casse comunali. È la fase di inizio del ciclo della spesa, che procede con la liquidazione e il pagamento. È l'assemblea pubblica rappresentativa di ogni comune, a cui spetta il potere legislativo a livello locale. Si compone di tutte le entrate che i cittadini versano al Comune a titolo di pagamento per un servizio ricevuto, come la raccolta dei rifiuti. Include tutte le somme di denaro che altri enti pubblici, quali ad esempio le Province, versano al Comune per aiutarlo nella realizzazione di opere pubbliche di lungo termine, quali infrastrutture o impianti sportivi e culturali. Segue l'accertamento dell'entrata e può coincidere con la riscossione qualora il cittadino versi la somma di denaro direttamente all'ente comunale. È il più piccolo livello di dettaglio in cui si suddivide la spesa comunale. È l'insieme dei documenti che regolano l'attività economico-finanziaria, ovvero la gestione delle entrate e delle spese, di un comune nel corso di un anno solare. È la sommatoria delle spese che il Comune sostiene per favorire lo sviluppo economico locale di tutte le attività produttive o commerciali presenti nel suo territorio. Protezione civile: è la sommatoria della spesa destinata al sostegno dei gruppi di protezione civile locale, inclusa l'eventuale costruzione o affitto di locali destinati a tali attività. È il titolo IV delle entrate; è la sommatoria delle entrate che il Comune realizza nel corso dell'anno per la vendita di immobili o i trasferimenti di capitali per investimenti di lungo periodo, solitamente pluriennali. È la fase successiva all'impegno e precedente il pagamento. Include tutte le somme di denaro che la Regione versa al Comune per aiutarlo nella realizzazione di opere pubbliche di lungo termine, quali infrastrutture o impianti sportivi e culturali. : è la sommatoria della spesa che il Comune ha deciso di destinare ai teatri presenti sul territorio; si include il pagamento del personale addetto, la costruzione e manutenzione dei locali, l'organizzazione di eventi e la relativa promozione. Costituiscono infatti "economia" la cancellazione o riduzione di impegni iscritti nel bilancio di previsione a fronte della mancata finalizzazione dell'obbligazione che aveva fatto sorgere la voce di spesa. È uno degli interventi della spesa in conto capitale. È la durata della gestione provvisoria, che viene istituita in caso di ritardi nell'approvazione del bilancio di previsione da parte del Consiglio comunale. È il titolo V delle Entrate; è la sommatoria di tutte le entrate che il Comune riceve in seguito all'accensione di prestiti con altri enti. È la somma di tutte le imposte versate sull'abitazione principale e su tipologie di immobili diverse come fabbricati, seconde case o altri immobili ad uso commerciale, artigianale ed industriale. Include la spesa destinata all'acquisto di beni immobili, quali edifici, uffici, fabbricati o terreni. È iscritta nelle entrate tributarie. È un fondo istituto dal legge n. Nella gestione provvisoria, la Giunta è autorizzata a prevedere flussi di entrata e di spesa mensili pari ad un dodicesimo di quelli previsti nel bilancio di previsione dell'anno precedente. Servizio idrico: è la sommatoria della spesa destinata alla gestione del servizio idrico locale, acquedotti, impianti di erogazione e tubature locali. Si tratta tuttavia di servizi che sono spessi erogati da aziende speciali o partecipate. Le entrate rappresentano le risorse finanziarie a disposizione dell'ente per l'anno di riferimento. È un canone annuale che viene pagato da tutti coloro che occupano permanentemente o temporaneamente un'area pubblica quali strade, piazze o corsi. È la sommatoria di tutti i crediti che il Comune riscuote nel corso dell'anno da parte di soggetto terzi a cui aveva precedentemente concesso di pagare in ritardo somme di denaro. Per questo motivo le entrate per conto terzi sono sempre uguali alle spese per conto terzi. Anche le variazioni di bilancio devono rispettare i vincoli imposti dagli equilibri.

L'intervento del Presidente di CDP Massimo Tononi ad Anci 2018

. È il totale della spesa che il Comune sostiene per la retribuzione di tutti i suoi dipendenti, incluso il versamento dei contributi previdenziali, gli straordinari ed eventuali incentivi. È il documento programmatico attraverso cui un comune autorizza le spese che i singoli assessorati potranno sostenere nel corso dell'esercizio e ne garantisce un'adeguata copertura finanziaria attraverso la programmazione delle entrate. È una tassa locale che viene pagata a fronte del servizio di raccolta e smaltimento di rifiuti da parte del Comune. È il momento in cui la Tesoreria comunale provvede al pagamento di una determinata somma di denaro ad un fornitore in seguito ad emissione della relativa fattura. È pagata da tutti coloro che affiggono insegne, manifesti, cartelloni o altro sul territorio comunale. Viene calcolata sulla base del gettito regionale e ripartita in accordo con la popolazione del singolo Comune. Includono, ad esempio, i proventi ricavati dalla vendita dei biglietti per il trasporto urbano, dalle mense scolastiche, dalle piscine o altri impianti sportivi comunali, manifestazioni turistiche, asili nidi, servizi sociali di assistenza. In questo caso, alla riscossione segue il versamento. È il titolo I delle entrate; è la sommatoria di tutte le imposte e le tasse che il Comune riscuote nel corso dell'anno.

Ne sono un esempio i chioschi, ma anche spazi occupati per manifestazioni politiche e culturali; tubature, cavi e altri lavori; arredo urbano. Rientra nella spesa in conto capitale in quanto si tratta di somme di denaro che vengono investite, solitamente, per periodi di tempo piuttosto lunghi. Si includono eventuali spese per affissioni o pubblicità sul territorio, l'organizzazione di mercati, fiere e altre manifestazioni. È pagata da tutti coloro che soggiornano nelle strutture ricettive di comuni classificati come "città d'arte" o "località turistiche" dallo Stato. Manifestazioni sportive: È la sommatoria della spesa che il Comune sostiene nel caso in cui intenda organizzare manifestazioni sportive di qualsiasi genere.

Prestiti Personali e Finanziamenti Online fino a.

. È la somma di tutti gli stanziamenti che la Giunta e il Consiglio comunale hanno approvato per l'erogazione di servizi a favore dei cittadini, per il funzionamento dell'ente comunale e per la realizzazione di investimenti nel corso dell'esercizio. Prestiti ristrutturazione: è il momento giusto per pensarci. È il titolo II delle Entrate; è la sommatoria di tutti i contributi che il Comune riceve dallo Stato, dalla Regione o da altri enti pubblici. Include, ad esempio, il fondo di solidarietà comunale o i diritti sulle pubbliche affissioni. Piscine comunali: è la sommatoria della spesa che il Comune sostiene per la manutenzione o l'eventuale costruzione della piscina comunale, se presente.

Sito web ufficiale

. È la sommatoria di tutti i proventi che l'ente comunale realizza dall'affitto o concessione di propri immobili e spazi, quali anche strade, sale ed aree pubbliche. Si divide in: Organi istituzionali: tutte le spese che il Comune sostiene per il funzionamento degli organi istituzionali, quali il Consiglio comunale e la Giunta

Commenti