Mutuo debiti fuori bilancio cassa depositi prestito

Il problema si è fatto oggi più pressante, considerato che le sentenze di primo grado sono molto spesso immediatamente esecutive. Le procedure si avvicinano – seppur gradualmente – a quelle vigenti per le imprese private. Di norma occorre deliberare e pagare i debiti con la massima sollecitudine. Tale scelta è resa possibile dal disposto di cui all’art. La proposta della deliberazione per il riconoscimento dei debiti spetta al responsabile del servizio competente per materia. I due requisiti devono coesistere, cioè il debito fuori bilancio deve essere conseguente a spese effettuate per le funzioni di competenza dell’ente, fatto che ne individua l’utilità, e deve esserne derivato all’ente un arricchimento. Occorre pertanto un provvedimento di natura programmatica e quindi politica: si potrebbe procedere mediante delibera di giunta, se lo stanziamento è capiente, o di consiglio, se occorre modificare il bilancio. E’ stata da taluni criticata la scelta del legislatore di delimitare la tempistica di tale riconoscimento: in effetti è importante assicurare la necessaria tempestività nei pagamenti, quantomeno in relazione ai debiti di limitato importo. Al di fuori della predetta tipologia i debiti fuori bilancio non sono riconoscibili. la possibilità di ricorrere all’indebitamento solo per il finanziamento degli investimenti. Tuttavia, la strategia del rinvio è decisamente scoraggiata dal perdurante orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità erariale, malgrado la rivoluzione copernicana in atto che vede l’ente pubblico agire sempre più in chiave aziendale. Per le attività a carattere istituzionale o pubblicistico è solitamente la norma stessa a quantificarne il valore. LA COMPETENZA Il riconoscimento dei debiti fuori bilancio spetta all’organo consiliare, che deve non solo e non tanto sanare una o più spese assunte senza impegno, quanto verificare che ciò non pregiudichi gli equilibri di bilancio. Nel caso previsto dall’art. Qualora l’arricchimento abbia per oggetto una cosa determinata, colui che l’ha ricevuta è tenuto a restituirla in natura, se sussiste al tempo della domanda.”. I prestiti più richiesti sono quelli per ristrutturare casa. Mutuo debiti fuori bilancio cassa depositi prestito. Secondo la Corte dei Conti il debito fuori bilancio è un’obbligazione sorta senza il rispetto delle regole giuridiche contabili proprie degli Enti Locali. Oltre tale limite la spesa va addossata a chi ha reso possibile la prestazione. L’attuale versione, seguendo gli indirizzi giurisprudenziali in materia di responsabilità per danno patrimoniale, ha dato la facoltà agli enti locali di riconoscere i debiti fuori bilancio nel limite dell’indebito arricchimento.

Mutuo UniCredit - finalità liquidità per consolidamento.

. La nuova formulazione dell’art.

Pertanto, sembra opportuno concentrare l’esame dei principali debiti in sede di analisi generale del bilancio. Si ricorda anche che non sono normalmente riconoscibili gli oneri per interessi, spese giudiziali e rivalutazione monetaria, che rappresentano un ingiustificato danno patrimoniale, da imputarsi ai soggetti che hanno consentito la spesa. Mutuo debiti fuori bilancio cassa depositi prestito. Si tratta di un istituto di centrale importanza nell’ambito della nuova contabilità degli enti locali. E’ pertanto auspicabile un chiarimento autorevole sul punto. Con l’attuale formulazione dell’art.

Giurisprudenza in materia di debiti fuori bilancio nel TUEL

. Può sembrare questo un iter piuttosto farraginoso, specialmente se si pensa ai debiti di limitato importo; tuttavia, ragioni di tenore sia letterale che logico-sistematico sconsigliano di tentare scorciatoie a livello interpretativo.

Piani di rientro bancari: interviene la Corte di Cassazione

. Si richiama l’attenzione sul fatto che la deliberazione consiliare di riconoscimento dei debiti fuori bilancio deve fornire la concreta prova dell’utilità, congiunta all’arricchimento per l’ente. L’attività gestionale deve svolgersi all’interno degli stanziamenti del bilancio pluriennale, che ha funzione autorizzatoria, e degli indirizzi contenuti nella relazione previsionale e nel Peg. Qualora però l’ente, disponendo di idonei elementi difensivi, decida di ricorrere in Cassazione, dovrà cercare soluzioni in grado di bilanciare l’interesse ad ottemperare alla giustizia con altre non meno rilevanti esigenze di tutela dell’interesse pubblico. L’arricchimento va stabilito con riferimento alla congruità dei prezzi, sulla base delle indicazioni e delle rilevazioni del mercato o dei prezzari e tariffe approvati da enti pubblici, a ciò deputati, o dagli ordini professionali. responsabilità da interessi. Si richiama in proposito il contenuto dell’art. Nell’attuale sistema giuscontabile sono riconoscibili i debiti fuori bilancio derivanti da: sentenze esecutive : la norma sintetizza il precedente disposto, ma senza introdurre alcuna modificazione. Atm (automated teller machine) - glossario prestiti. L’ordinanza della Corte costituzionale n. LA TEMPISTICA Il riconoscimento dei debiti fuori bilancio può avvenire mediante la deliberazione consiliare di cui all’art. Tale soluzione non è priva di logica, fermo restando che la norma – peraltro inderogabile ai sensi dell’art. ottemperare al potere giudiziario parimenti al privato cittadino

Commenti