Lombardia prestito

Di conseguenza è sorretta da valide ragioni economiche la scelta di impiegare parte della liquidità rinveniente dal finanziamento più vantaggioso per estinguere l'altro finanziamento. Lombardia prestito. I giudici della regionale ritengono innanzitutto che sia erronea la qualificazione della rinuncia a un credito come sopravvenienza attiva tassabile. Prestito finanziamenti. I giudici di primo grado hanno rigettato il ricorso, confermando l'avviso di accertamento. Lombardia prestito. La Commissione di secondo grado ritiene evidente l'interesse economico emergente dall'utilizzo della liquidità della controllata per estinguere il debito contratto dalla controllante. Occorre guardare alla sostanza delle relazioni infragruppo al fine di comprendere se le operazioni poste in essere sono dirette alla «ottimizzazione della gestione economico finanziaria del gruppo». Mentre il collegio d'appello ha ribaltato l'esito del giudizio accogliendo le ragioni della società. Questo aspetto dovrebbe indurre a considerare le operazioni infragruppo nel loro complesso per valutarne l'economicità o meno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA "> Ricerca Base Ricerca avanzata Ricerca Musica Ricerca Antico Tipo di ricerca. Sblocca prestito it.. Restituzione prestito contratto orale prova. La sentenza riconosce l'unitarietà gestionale ed economica che caratterizza i gruppi di imprese.

RomanoOnLine la tua guida per il web

. Ciò in quanto il finanziamento non veniva restituito ma impiegato per estinguere un finanziamento bancario acceso dalla controllante. La scelta del modello imprenditoriale di gruppo è generalmente dovuta ai vantaggi che ne conseguono in termini di flessibilità strutturale e di riduzione del capitale di rischio. Il Pvc contestava l'anomalia civilistica e fiscale di un finanziamento concesso dalla controllata alla controllante.

Utet Giuridica

. La natura di finanziamento non può essere disconosciuta sulla mera base formalistica dell'assenza di delibere adottate dalle società, peraltro nemmeno necessarie. Peraltro - aggiunge il collegio - le due società si sono successivamente fuse «senza aumento di capitale e senza conguaglio in denaro possedendo l'incorporante l'intero capitale sociale dell'incorporata». La controllata, società attiva nel settore dell'edilizia, aveva ottenuto un mutuo ipotecario a condizioni più vantaggiose in termini di tasso di interesse rispetto al finanziamento bancario acceso in precedenza dalla controllante. La vicenda al centro della controversia riguarda un avviso di accertamento emesso a carico di una società controllante fondato su un processo verbale di constatazione redatto a carico della propria controllata. La società controllante ha impugnato l'avviso di accertamento sotto più profili

Commenti