Inpdap prestito finanziario

I prestiti erogati direttamente dall’ente sono il piccolo prestito e i prestiti pluriennali diretti, che vengono finanziati tramite il Fondo Credito e che sono quindi vincolati, ogni anno, alla disponibilità di fondi. In questo modo si ottengono delle proposte in cui la rata mensile non eccede il valore impostato come “rata ideale”. NB: inpdap.biz non è in alcun modo collegato a I.N.P.D.A.P. Cliccando su una tipologia di prestito si ottiene il dettaglio. In questi casi la durata è di uno, due, tre o quattro anni.

I prestiti in convenzione sono invece erogati da istituti di credito e finanziarie che hanno stipulato un accordo con l’ente, che fa però da garante per la restituzione del debito. Con il piccolo prestito personale si può ottenere una cifra di basso importo, utilizzabile come si vuole. Nel caso del prestito biennale l’importo può essere di due o quattro mensilità, con il triennale tre o sei mensilità e con il quadriennale quattro o otto mensilità.

Prestiti Inpdap: Tabelle 2019, Simulazione e Calcolo Rata

. In tutti i casi si tratta sempre di prestiti con cessione del quinto, in cui cioè l’importo della rata mensile non può essere superiore al valore di un quinto della pensione netta mensile o dello stipendio netto mensile del richiedente. Si arriva quindi nell’area riservata alla simulazione, dove è possibile effettuare il calcolo per orientarsi sulla tipologia di prestito più adatta alle proprie esigenze. Basterà poi individuare nell’insieme dei servizi desktop quelli pertinenti la Gestione Dipendenti Pubblici.Tra questi è riportata appunto la simulazione del Piccolo prestito e del Pluriennale diretto.. Nella tabella sono infatti riportati questi valori. e I.N.P.S., ma è solo un sito informativo non ufficiale dedicato a dipendenti e pensionati pubblici. Qui occorre selezionare rispettivamente le voci “Piccoli Prestiti Iscritti – Domanda” oppure “Prestiti Pluriennali Iscritti – Domanda” per effettuare le simulazioni. Inpdap prestito finanziario.

Prestiti - INPS

. Anche in questa simulazione cliccando sullo specifico preventivo di prestito si ottengono tutti i dati in merito al calcolo rata, spese aggiuntive e importo netto ottenibile. Simulazione prestito per rata ideale Altra possibilità per ottenere un preventivo è quella di utilizzare il simulatore per “rata ideale”. Per usufruire di questa possibilità bisogna sempre andare sul sito dell’INPS e dalla homepage seguire il percorso Servizi Online > Servizi per il cittadino > Servizi ex-Inpdap> Per area tematica > Credito. Per compiere il calcolo online del finanziamento sarà sufficiente individuare all’interno della sezione “Tutti i servizi” quello desiderato.Il collegamento a tutti i servizi è presente nella pagina principale del portale dell’Istituto. Prestito usuraio. Prestito perduto. Bisogna poi indicare la propria data di nascita in quanto per ogni prestito è previsto un premio fondo rischi da versare all’ente, che varia in funzione della durata del prestito e dell’età del richiedente. Compare quindi tra i risultati il link alla sezione “Gestione Dipendenti Pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali”. Tramite il menu è possibile selezionare tre modalità di simulazione di preventivo. Una volta inseriti lo stipendio netto e la data di nascita bisogna cliccare sul bottone “Simula”. Per effettuare la simulazione bisogna andare sul sito ufficiale dell’INPS www.inps.it, dalla homepage selezionare la voce “Tutti i servizi”, e quindi nel campo “Testo libero” scrivere “simulazione prestiti” e cliccare su Filtra. In pratica, oltre al valore dello stipendio netto mensile e alla data di nascita, è possibile indicare l’importo della rata che si vorrebbe pagare ogni mese per rimborsare il debito. Quest’ultimi sono indicati per l’acquisto, costruzione o ristrutturazione dell’abitazione della prima casa. Simulazione prestito Consente di effettuare il calcolo dell’importo minimo e massimo che è possibile ottenere con una determinata tipologia di prestito. Inpdap prestito finanziario. In questo caso si parla di prestiti pluriennali garantiti

Commenti