Contratto prestito titoli

Non necessariamente si tratta di investimenti a basso rischio, in obbligazioni o titoli di Stato, anche se la banca si impegna a garantire un interesse certo al cliente. Il rendimento viene tassato alla fonte.

Prestito statali.. I pronti contro termine sono utilizzati dai risparmiatori come metodo per l'impiego di denaro nel breve termine a tassi molto vicino a quello di mercato.

Prestito Titoli: significato e funzionalità

. Il titolo sottostante è chiaramente emesso da un soggetto differente dalla banca, ovvero dalle controparti del PCT.

Il contratto di riporto e il prestito titoli

. Molti sono i soggetti potenzialmente sottoscrittori di un pronti contro termine; nei prossimi paragrafi sono riportati i principali. Alla data di scadenza dell’operazione la banca restituirà al cliente altrettanti strumenti finanziari della stessa specie e quantità dei titoli ricevuti. Diversamente dalle obbligazioni, i pronti contro termine sono un contratto "nominativo" tra le parti, e quindi non possono essere ceduti a terzi prima della scadenza. Il dell'operazione è la differenza tra il prezzo di riacquisto e il prezzo di vendita. La disciplina civilistica in tema di bilancio è stata modificata dal D.Lgs. Il prezzo di riacquisto è determinato in base al prezzo di vendita e al tasso di interesse concordato tra le parti. Il pronti contro termine è un titolo non liquidabile prima della data di scadenza. Utilizza lo strumento come controllo della base monetaria indirizzando nel contempo i tassi di interesse. A seconda della congiuntura di mercato la Banca d'Italia è venditrice o acquirente; il tasso sottostante è deciso in base alle politiche di breve periodo che intende perseguire. Un istituto di credito concede i pronti contro termine per un temporaneo bisogno di liquidità, e lucra investendo il denaro fino alla data di riacquisto dei titoli. L'istituto di credito, nel caso di strumenti che non hanno un prezzo predeterminato, come le azioni, si espone al rischio di ripagare il titolo più del valore corrente di mercato alla data di riacquisto. Tan prestito. L'operazione consiste, quindi, in un prestito di denaro da parte dell'acquirente e un prestito di titoli da parte del venditore. Il venditore a pronti deve registrare nei conti d'ordine l'impegno di riacquisto a termine. Lo strumento finanziario è utilizzato per ricevere finanziamenti nel breve periodo, smobilizzando temporaneamente il proprio portafoglio titoli. La banca acquista i titoli dall'emittente e li ricolloca a pronti nel mercato al loro valore nominale; quindi, la banca ritira i titoli e paga ai clienti il prezzo a termine, e li restituisce all'emittente che rimborsa il prezzo pattuito con la banca. L'istituto di credito può azzerare il rischio di controparte, con un'operazione di segno opposto verso lo stesso soggetto emittente i titoli, acquisto a pronti contro denaro e vendita a termine ai prezzi di mercato. Il richiedente può ad esempio essere un'impresa con temporanee esigenze di liquidità, che non intende o ha difficoltà a finanziarsi con aumenti di capitale sociale, obbligazioni o prestiti. Contratto prestito titoli. Se il valore di riacquisto è però inferiore al prezzo dello strumento, tale rischio si trasforma in un'opportunità di arbitraggio, rivendendolo ai prezzi correnti. Altri istituti applicano una penale per l'estinzione anticipata, ovvero pagano il prezzo a termine mentre trattengono gli interessi maturati sul titolo sottostante fino alla data di estinzione anticipata. Per gli enti finanziari e creditizi, se c'è di retrocessione a termine, devono restare iscritte nel bilancio dell'acquirente a pronti. In genere, l'istituto applica all'impresa un interesse anticipato sul prezzo di acquisto dei titoli. La banca si impegna a riacquistare i titoli nella data a termine, e in tale occasione il risparmiatore deve essere effettivamente in possesso dei titoli a pronti. I titoli sottostanti sono, di solito, titoli di Stato o titoli monetari.

CONTRATTO QUADRO PER LE OPERAZIONI DI PRESTITO TITOLI.

. Diversamente, questo ha gli stessi flussi finanziari ed equivale a uno obbligazione di tipo zero coupon bond, a capitale garantito e priva di cedole intermedie. I vantaggi: aumento della redditività del portafoglio Il cliente mantiene inalterata la facoltà di vendere o di richiedere il trasferimento degli strumenti finanziari in deposito in qualsiasi momento. La banca, infatti, ha piena facoltà di valutare se procedere o meno alla conclusione delle operazioni. Le garanzie: nessun obbligo di conclusione delle operazioni L’adesione al servizio non obbliga la banca a dar corso a operazioni di prestito titoli

Commenti